INVALSI

 

 

L’Istituto, sulla base della Direttiva n. 74/2008 emanata dal MIUR, partecipa alla rilevazione annuale degli apprendimenti mediante le prove INVALSI elaborate dal Servizio Nazionale di Valutazione (SNV) con lo scopo principale di misurare i livelli di apprendimento raggiunti dagli studenti italiani relativamente ad alcuni aspetti di base di due ambiti fondamentali: la comprensione della lettura e la matematica, comunemente ritenuti condizione necessaria per un accesso consapevole alla cittadinanza attiva.

Le PROVE INVALSI, che si svolgono durante il mese di maggio nelle classi seconda e quinta della Scuola Primaria, prima e terza della Scuola Secondaria di Primo Grado, sono prove standardizzate costruite sulla base di Quadri di riferimento per la valutazione che definiscono gli ambiti, i processi ed i compiti oggetto di rilevazione.

Esse rilevano gli apprendimenti degli studenti nei momenti di ingresso e di uscita dei diversi livelli di scuole, così da rendere possibile la valutazione del valore aggiunto fornito da ogni scuola in termini di accrescimento dei livelli di apprendimento degli alunni.

All’interno dell’Istituto Comprensivo è presente un referente della valutazione che è di supporto alle varie attività previste dalla valutazione degli apprendimenti INVALSI.

 

Scelte conseguenti ai risultati delle prove INVALSI

 

Il monitoraggio delle prove INVALSI 2014/2015 (Risultati di apprendimento nelle prove standardizzate nazionali di Italiano e Matematica) ha messo in luce i seguenti punti di forza:

  1. nella Scuola Primaria, sia per quanto riguarda Italiano sia per quanto riguarda Matematica, l’Istituto raggiunge livelli superiori alla media nazionale;
  2. le classi terze della Scuola Secondaria di primo grado appaiono in linea con le medie nazionali per l’Italiano, mentre risultano lievemente superiori rispetto all’anno precedente per la Matematica;
  3. nella Scuola Secondaria di primo grado la percentuale di ammessi al secondo anno è sostanzialmente nella media di riferimento mentre la percentuale di ammessi al terzo la supera leggermente.

ed i seguenti punti di debolezza nella Scuola Secondaria di primo grado:

  1. nell’area logico-matematica si rileva un esito inferiore alla media delle popolazioni di riferimento, sottolineando tuttavia una tendenza positiva rispetto all’anno precedente;
  2. permane sbilanciata la distribuzione delle votazioni all’esito dell’esame di Stato e sono segnalati sensibili casi di abbandono.

In conseguenza di ciò, la scuola ha deciso di integrare le priorità / i traguardi / gli obiettivi del RAV con i seguenti:

  • rafforzare le competenze di Italiano sviluppando il lessico e l’ambito grammaticale
  • potenziare le capacità logico-matematiche consolidando i traguardi raggiunti;
  • valorizzare e potenziare le competenze linguistiche, con particolare riferimento alla lingua inglese (usata a livello internazionale) e alla lingua francese (vista la collocazione geografica di Bordighera);
  • potenziare l’intelligenza emotiva degli alunni per favorire reazioni emotive equilibrate e funzionali per “star bene con se stessi e con gli altri”.

DAL PTOF 2016

I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network. Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Chiudi